Presenza delle ONG
PRESENZA DELLE ONG
L’Albania si caratterizza per una presenza diffusa delle ONG italiane, molte delle quali sono arrivate per la prima volta durante le emergenze umanitarie degli anni Novanta e sono poi rimaste, radicandosi profondamente sul territorio e contribuendo anche alla creazione e allo sviluppo di ONG e associazioni locali.
 
In Albania sono attive oltre venti ONG italiane, tra cui Acli-Ipsia, Avsi, Caritas Italia, Celim, Ceses, Cesvi, Cies, Col’Or, Cospe, Engim, Fondazione Emmanuel, Iscos, Labor Mundi, Lvia, Magis, Oxfam Italia, Papa Giovanni XXIII, Save The Children Italia Onlus, Vides e Vis. Esse operano attraverso finanziamenti della Cooperazione Italiana e di altri donatori su tutto il territorio nazionale, svolgendo un ruolo fondamentale nel coadiuvare e completare l’azione del Governo e delle autorità locali, nel recepire i bisogni della popolazione e nel consolidare i rapporti con la società civile.
Attualmente, la Cooperazione Italiana finanzia 15 progetti promossi dalle ONG, per un valore complessivo di circa 12,6 milioni di Euro. I principali settori d’intervento sono l’agricoltura e lo sviluppo rurale, la sanità, il sostegno alle fasce deboli o marginali e la promozione del modello di impresa sociale. Le iniziative finanziate hanno come fine generale il miglioramento delle condizioni di vita della popolazione, attraverso attività di valorizzazione delle risorse locali, sostegno alle politiche sociali, potenziamento del sistema educativo, miglioramento dei servizi primari, tutela dei diritti umani e promozione della cultura e dell’eguaglianza.
Il rapporto di collaborazione tra l’Ufficio della Cooperazione Italiana allo Sviluppo e le ONG italiane in Albania si è consolidato nel tempo grazie ad una costante attività di coordinamento, volta allo scambio d’informazioni e conoscenze ed al confronto su temi di comune interesse.





© 2004 - 2014 Ufficio per la Cooperazione allo Sviluppo Design & Programing WPP